Teresa Parigi

Inizia lo studio della Musica all’età di sei anni avvicinandosi al Pianoforte, e, contemporaneamente, al Canto, che negli anni prediligerà, entrando a far parte di alcuni cori di voci bianche della città di Arezzo, mostrando sin da giovanissima una speciale sensibilità per l'espressività musicale in genere e semantica poi.
Si dedicherà allo studio del Canto Lirico con Ester Castriota per approfondire e successivamente laurearsi in Canto Rinascimentale e Barocco nei Conservatori di Bologna e Ferrara, nelle classi di Gloria Banditelli, Gemma Bertagnolli e Anna Simboli.
Approfondisce la prassi del Recitar Cantando, con particolare attenzione al lamento in musica, e della Musica Medievale grazie a Masterclass di Perfezionamento tenute da Maestri come Antonio Florio, Bettina Hoffmann, Francesco Corti, Jill Feldman e Silvia Vajente.
Negli anni della sua formazione, in cui ha esplorato repertori e autori della storia del canto con particolare cura all'evoluzione del bel canto italiano, ha avuto la fortuna di incontrare dei maestri e degli artisti che la stimolassero nella sua ricerca musicale e nella costruzione di un suo personale approccio allo spartito e alla voce, arricchito di competenze drammaturgiche, storiche e linguistiche. Di grande importanza nel suo percorso di formazione professionale gli studi paralleli a quelli della musica e la conseguente laurea in Lingue e Letterature Europee e Americane.
Non meno determinante per lei l’appartenenza dall’età di quindici anni al Gruppo Folkloristico di Lucignano in Toscana che fu un importante passaggio di coscienza nell'esplorazione di quella Musica detta Popolare, con un particolare trasporto per le tradizioni regionali.
La Musica Vocale d’Insieme ed Antica in generale, con una naturale predisposizione per la Polifonia Vocale, sono la sua predilezione che la portano negli anni a specializzarsi e a caratterizzare su questo la sua attività concertistica, facendo della medievale Bologna la sua residenza elettiva.
Parallelamente ai concerti da solista, ha cantato in ensemble e cori specializzati in repertori cinquecenteschi e seicenteschi come la Cappella Musicale Arcivescovile di San Petronio, il coro I Polifonici senesi, Echomundi di Firenze, Orfeón “Terra a nosa” di Santiago de Compostela, e con il Coro da Camera di Bologna e la Cappella musicale di San Giacomo Maggiore in Bologna - con i quali ha partecipato all’incisione di cd per la casa discografica Tactus.
Ha inoltre partecipato a progetti con gruppi vocali femminili come LatinoBalcanica Ensemble, l’Ensemble La Flora, l’Ensemble Gregoriano Oratorio s. Cecilia; di rilievo la partecipazione al concorso Polifonico Internazionale città di Arezzo nel 2018 con la formazione femminile di VisCantus, diretto da Silvia Vajente.
Dal 2018 affianca stabilimente all’attività concertistica quella didattica, iniziando a collaborare con la musicista e direttrice Angela Troilo nell’attività pedagogica del coro di voci bianche Euridicìnni e dirigendo attività corali curricolari ed extracurricolari in alcune scuole primarie della città di Bologna. Incide anche musica per l’infanzia, come Animali Sfumati di A. Troilo e due registrazioni di prossima pubblicazione con brani su testi di Gianni Rodari dei compositori Giacomo Roghi e Sebastiano Cellentani.
Particolare interesse va anche alla musica popolare e di lotta italiana e dei paesi ispanofoni e lusofoni: dalla laurea in lingue e letterature europee e americane sviluppa una competenza sulla poetica di protesta del samba e del fado, che approfondisce tutt'oggi.
  • Visite: 4263